Paul Hindemith (1895-1963)

hindemithPaul Hindemith nacque a Hanau (Assia-Nassau) nel 1895 e morì a Francoforte sul Meno nel 1963. Studiò al Conservatorio di Francoforte, diventando ancora giovanissimo violino di spalla al Teatro dell’Opera. Nel 1921 fondò un quartetto d’archi, con il quale fu attivo come violista fino al 1929. In quegli stessi anni fondò il Festival di Donaueschingen, tuttora esistente, cominciando a esibirsi anche in veste di direttore d’orchestra.
Le sue composizioni giovanili fino al capolavoro operistico Cardillac (1926) sono permeate dall’influenza dell’Espressionismo, ma successivamente il versatile e prolifico musicista si avvicinò a poco a poco alla poetica della “Neue Sachlichkeit” (nuova oggettività), secondo la quale il vecchio ideale romantico dell’arte come luogo d’espressione andava sostituito da una moderna concezione artigianale, uno dei cui frutti più originali è la teoria della cosiddetta “Gebrauchsmusik” (musica d’uso).
A partire dagli anni trenta, Paul Hindemith maturò un’approfondita riflessione sul linguaggio armonico che lo portò a concepire un nuovo sistema, polemicamente alternativo a quello dodecafonico di Schönberg. I principi di questa teoria, applicati per la prima volta nelle tre Sonate per pianoforte (1936) e in forma magnificamente compiuta nel Ludus tonalis (1942), sorta di contraltare moderno del tonale Clavicembalo ben temperato di Bach, sono basati sul concetto di affinità armonica dei gradi rispetto alla tonica. Singolare che, una volta elaborato tale nuovo sistema, il musicista si sentì in dovere non solo di uniformare ad esso tutte le nuove creazioni ma anche di “correggere” le vecchie, tra le quali la stessa Cardillac e l’importante ciclo vocale Das Marienleben (1926), anche se è oggi invalsa l’abitudine di eseguirle nella forma originaria.
L’ultima, lunga fase creativa di Hindemith è caratterizzata dalla grande facilità e sicurezza inventiva. Ciò spiega l’incredibile vastità del suo catalogo, comprendente, tra le altre cose, numerosi Concerti e Sonate per pressoché tutti gli strumenti conosciuti.
Osteggiato dal nazismo, Paul Hindemith è uno dei numerosi musicisti europei che trovarono asilo in America. Vi si recò nel 1940. Alla fine della guerra si stabilì in Svizzera e insegnò composizione all’Università di Zurigo.

Sito web

Brani eseguiti al Festival Milano Musica

Kammermusik N.1 (14 ottobre 2012)
Ludus Tonalis (25 maggio 1995)
Sancta Susanna (22 settembre 2006)
Premio Balzan 1962
Fünf Stücke per orchestra d’archi op. 44 n. 4 (24 settembre 2003)

Questo sito fa uso dei Cookies per il funzionamento della piattaforma e per le statistiche.

Continuando a navigare, accetti il loro utilizzo. Per saperne di più

Accetto

Informativa estesa sui Cookies

 

1. Che cosa sono i cookies
I cookies sono piccoli file di testo che vengono trasmessi dai siti web ai dispositivi degli utenti che li visitano, e che vengono ritrasmessi agli stessi siti web in occasione di visite successive. Possono avere caratteristiche diverse ed essere utilizzati per diverse finalità, sia dal titolare del sito web visitato, sia da terze parti. All’interno del presente documento, vengono messe a disposizione dell’utente informazioni sui cookie utilizzati da questo sito, e le indicazioni su come gestire le preferenze di navigazione riguardo ad essi.

2.Cookies utilizzati da questo sito
Questo sito utilizza cookie (tecnici, di navigazione, analitici e di terze parti). Il titolare del sito è Milano Musica - Associazione per la musica contemporanea, con sede in Milano, piazza Luigi di Savoia 24, 20124, P. IVA 10676240152. L’utilizzo di cookie da parte del titolare del sito si inquadra nell’ambito della Informativa al trattamento di dati personali resa ai sensi dell’art. 13, D. Lgs. 196/03.

2.1.Cookie che non richiedono il consenso dell’utente
I cookie tecnici non richiedono la prestazione di consenso da parte dell’utente, perciò vengono installati automaticamente in seguito all’accesso al sito.
•Cookie di statistica utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni in forma aggregata: Viene utilizzato un cookie statistico di prima parte per finalità di indagine statistica sul sito (ad esempio per conteggiare le visite fatte sul sito dal browser dell’utente, o per sapere se l’utente visita il sito per la prima volta o se si tratta di un visitatore di ritorno). Ha una validità di 10 anni.

2.2.Cookie per i quali è richiesto il consenso dell’utente
I cookie diversi da quelli sopra indicati vengono installati o attivati solo a seguito del consenso espresso dell’utente la prima volta che visita il sito. Il consenso può essere espresso in modo generale, selezionando le opzioni di prestazione del consenso contenute all’interno della Informativa Breve sui cookie (o anche proseguendo la navigazione sul sito), oppure può essere negato o fornito in modo selettivo, secondo le indicazioni di seguito riportate.

Cookie gestiti da terze parti
Qui di seguito sono riportati i siti web di terze parti che installano cookie sul dispositivo dell’utente durante la navigazione sul presente sito, unitamente ai link a informative privacy e moduli di consenso per ognuno. La chiusura della presente pagina web non comporta il diniego del consenso.
•Le informazioni relative ai visitatori del sito possono essere utilizzati da terze parti, incluso Google, per mostrare pubblicità del Teatro alla Scala su altri siti. Il Google Tag manager è utilizzato secondo i termini di utilizzo di Google (https://www.google.com/intl/en/policies/terms/), la Google Privacy Policy (https://www.google.com/intl/en/policies/privacy/) e la Google Tag Manager Use Policy (https://www.google.com/analytics/tag-manager/use-policy/). Puoi richiedere la disattivazione dell’utilizzo dei cookies da parte di Google visitando la pagina Google's Ads Settings.
•www.google.it/intl/it/analytics: utilizza cookie analytics al fine di valutare la performance del sito e il traffico effettuato su di esso.
Link a privacy policy: https://support.google.com/analytics/answer/6004245;
Link pagina di descrizione cookie installati: https://developers.google.com/analytics/devguides/collection/analyticsjs/cookie-usage;
Link a pagina di download allo strumento che permette la disabilitazione della installazione di tali cookie: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.
•www.youtube.com: utilizza cookie tecnici, e anche di profilazione.
Link a privacy policy: http://www.google.com/policies/technologies/cookies/;
Link pagina di descrizione cookie installati: https://developers.google.com/analytics/devguides/collection/analyticsjs/cookie-usage.
www.addthis.com: utilizza cookie tecnici (al fine di consentire la condivisione di contenuti sui social network), e anche di profilazione.
•Link a privacy policy: http://www.addthis.com/privacy
Link a modulo di consenso (opzione “opt-out”): http://addthis.com/privacy/opt-out
•Facebook utilizza cookie tecnici (al fine di consentire la condivisione di contenuti sui social network), e anche di profilazione: https://www.facebook.com/help/cookies
•Pinterest utilizza cookie tecnici (al fine di consentire la condivisione di contenuti sui social network), e anche di profilazione: https://about.pinterest.com/it/privacy-policy
•Twitter https://support.twitter.com/articles/20170519-uso-dei-cookie-e-di-altre-tecnologie-simili-da-parte-di-twitter

3. Modifica delle impostazioni del browser
È inoltre possibile disabilitare la ricezione dei cookie mediante le impostazioni disponibili presso il browser utilizzato dall’utente. Nella maggior parte dei browser, le impostazioni possono essere modificato secondo il procedimento seguente:
•selezionare la voce “Opzioni” o “Preferenze” nel menu “Strumenti” o “Visualizza” o “Modifica”;
•selezionare la voce “Privacy” o “Protezione” o “Download files” e scegliere le impostazioni preferite.

Qui di seguito vengono riportati i link diretti alla schermata di impostazione cookie, disponibili sui principali browser:

 

Internet Explorer - Google Chrome - Mozilla firefox - Apple Safari

Clicca qui per disabilitare i cookie di Google Analytics