György Ligeti (1923-2006)

ligetiGyörgy Ligeti nacque nel 1923 in Transilvania, precisamente a Dicsöszentmárton, in una zona che allora apparteneva all’Ungheria e dal 1947 alla Romania. Studiò con Sándor Varess all’Accademia di Budapest, dove fu insegnante dal 1950 al 1956, quando, fuggito dall’Ungheria, si trasferì a Vienna. Lavorò inoltre con Stockhausen presso lo Studio di musica elettronica di Colonia e insegnò ad Amburgo e Stoccolma, tenendo anche alcuni corsi estivi presso la fucina della “Nuova Musica” di Darmstadt.
Già agli esordi sentì urgente la necessità di andare oltre la tradizione post-bartókiana, che pure aveva ne caratterizzato la formazione; e finché non entrò in contatto con le soluzioni dell’Avanguardia europea, si dedicò alla sperimentazione su strutture ritmiche, timbriche e seriali elementari, come nel tentativo di ricominciare da zero. Il lavoro più rilevante di questo primo periodo della parabola creativa ligetiana è il primo quartetto per archi Métamorphoses nocturnes (1953-54).
Due importanti pezzi per orchestra, Apparitions (1958-59) e Atmosphères (1961), segnano, per così dire, il nuovo debutto del musicista, ora del tutto avvertito circa gli sviluppi più recenti della musica colta europea. Essi sono caratterizzati da una tecnica di fasce o di aggregati, di superfici e strutture sonore di colore e densità variabili. L’effetto prodotto è quello di una musica priva del senso del tempo, che è come sospeso in un’immobile contemplazione. L’altro aspetto determinante dello stile “formato” di Ligeti si colloca all’opposto di tale estrema staticità e precede una mobile e frantumata “micropolifonia”: un reticolo di linee minutamente addensate in un tessuto inestricabile e variegato. Appartergono a questa ampia fase dell’attività ligetiana, perdurante fino oltre la metà degli anni settanta, alcune importanti composizioni come le azioni drammatico-musicali Aventures (1962) e Nouvelles Aventures (1962-65), il Requiem per soprano, 2 cori e orchestra (1963-65), Lontano per orchestra (1967), le Ramifications per archi (1968-69), il Secondo Quartetto (1968) e il Kammerkonzert per 13 strumentisti (1968-70).
La fase successiva, che si suole identificare con l’andata in scena dell’opera Le Grand Macabre (Stoccolma, 1977), ispirata a Ghelderode, è considerata “retrospettiva”, in quanto il musicista ha spesso e volentieri fatto i conti con il retaggio del passato, prossimo o remoto che fosse, pur mantenendo i tratti di assoluta originalità e genialità che gli sono propri. Tra i lavori principali di quest’ultimo periodo si ricordano il Trio per violino, corno e pianoforte (1982), le tre Phantasien per coro su testi di Hölderlin (1983) e il Concerto per violino (1992).
Comune a tutti i periodi della parabola creativa ligetiana è il personale gusto per una ricerca sonora affatto particolare, che ha indotto il musicista sia a utilizzare le moderne risorse dell’elettronica e dell’informatica musicale, sia a “attualizzare” le sonorità degli strumenti tradizionali, anche quelli storicamente connotati come il settecentesco clavicembalo, cui sono dedicati i celebri pezzi Continuum (1968), Passacaglia ungherese (1978) e Hungarian Rock. Chaconne (1978).
Da segnalare infine che diverse musiche di Ligeti sono state utilizzate da alcuni registi cinematografici come colonne sonore di famose pellicole, tra le quali si ricordano 2001: Odissea nello spazio e Shining di Kubrik.
Ligeti è scomparso a Vienna il 12 giugno 2006.

http://www.schott-musik.de/shop/persons/featured/11540/

Brani eseguiti al Festival Milano Musica

6 Bagatelle (06 ottobre 2010)
Aventures & Nouvelles Aventures (22 ottobre 2003)
Cello Konzert (31 ottobre 1999)
Cinque pezzi per pianoforte a quattro mani (5 novembre 2018)
Clocks and Clouds (25 ottobre 2003)
Concerto (25 ottobre 2003)
Concerto per pianoforte e orchestra (19 novembre 2018)
Duetti per violino (21 ottobre 1998)
da Etudes, I libro (1985)
n. 2 Cordes à vide
n. 5 Arc-en ciel
n. 6 Automne à Varsovie (28 settembre 1997)
Etude No. 1 “Harmonies” (17 giugno 1992)
Études, 1° libro (13 ottobre 2003)
Études, 2° libro (13 ottobre 2003)
Études, 3° libro (13 ottobre 2003)
Kammerkonzert (31 ottobre 1999, 10 novembre 2003, 29 ottobre 2018)
L’escalier du diable (Studio n. 13) (20 settembre 1999)
La notte, La mattina (18 ottobre 2005)
Lontano (17 novembre 2003, 26 ottobre 2014)
Melodien (31 ottobre 1999)
Musica ricercata n.1 (20 settembre 1999)
Premio Balzan 1991
Régi Magyar társas táncok (24 settembre 2003)
Quartetto n. 1 (30 settembre 2003)
Quartetto n. 2 (30 settembre 2003)
Quartetto per archi n. 2 (21 ottobre 1998) (30 ottobre 2017)
Ramifications (17 novembre 2003)
Sonata (15 ottobre 2016)
Zehn Stücke (10 novembre 2003)

Questo sito fa uso dei Cookies per il funzionamento della piattaforma e per le statistiche.

Continuando a navigare, accetti il loro utilizzo. Per saperne di più

Accetto

Informativa estesa sui Cookies

 

1. Che cosa sono i cookies
I cookies sono piccoli file di testo che vengono trasmessi dai siti web ai dispositivi degli utenti che li visitano, e che vengono ritrasmessi agli stessi siti web in occasione di visite successive. Possono avere caratteristiche diverse ed essere utilizzati per diverse finalità, sia dal titolare del sito web visitato, sia da terze parti. All’interno del presente documento, vengono messe a disposizione dell’utente informazioni sui cookie utilizzati da questo sito, e le indicazioni su come gestire le preferenze di navigazione riguardo ad essi.

2.Cookies utilizzati da questo sito
Questo sito utilizza cookie (tecnici, di navigazione, analitici e di terze parti). Il titolare del sito è Milano Musica - Associazione per la musica contemporanea, con sede in Milano, piazza Luigi di Savoia 24, 20124, P. IVA 10676240152. L’utilizzo di cookie da parte del titolare del sito si inquadra nell’ambito della Informativa al trattamento di dati personali resa ai sensi dell’art. 13, D. Lgs. 196/03.

2.1.Cookie che non richiedono il consenso dell’utente
I cookie tecnici non richiedono la prestazione di consenso da parte dell’utente, perciò vengono installati automaticamente in seguito all’accesso al sito.
•Cookie di statistica utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni in forma aggregata: Viene utilizzato un cookie statistico di prima parte per finalità di indagine statistica sul sito (ad esempio per conteggiare le visite fatte sul sito dal browser dell’utente, o per sapere se l’utente visita il sito per la prima volta o se si tratta di un visitatore di ritorno). Ha una validità di 10 anni.

2.2.Cookie per i quali è richiesto il consenso dell’utente
I cookie diversi da quelli sopra indicati vengono installati o attivati solo a seguito del consenso espresso dell’utente la prima volta che visita il sito. Il consenso può essere espresso in modo generale, selezionando le opzioni di prestazione del consenso contenute all’interno della Informativa Breve sui cookie (o anche proseguendo la navigazione sul sito), oppure può essere negato o fornito in modo selettivo, secondo le indicazioni di seguito riportate.

Cookie gestiti da terze parti
Qui di seguito sono riportati i siti web di terze parti che installano cookie sul dispositivo dell’utente durante la navigazione sul presente sito, unitamente ai link a informative privacy e moduli di consenso per ognuno. La chiusura della presente pagina web non comporta il diniego del consenso.
•Le informazioni relative ai visitatori del sito possono essere utilizzati da terze parti, incluso Google, per mostrare pubblicità del Teatro alla Scala su altri siti. Il Google Tag manager è utilizzato secondo i termini di utilizzo di Google (https://www.google.com/intl/en/policies/terms/), la Google Privacy Policy (https://www.google.com/intl/en/policies/privacy/) e la Google Tag Manager Use Policy (https://www.google.com/analytics/tag-manager/use-policy/). Puoi richiedere la disattivazione dell’utilizzo dei cookies da parte di Google visitando la pagina Google's Ads Settings.
•www.google.it/intl/it/analytics: utilizza cookie analytics al fine di valutare la performance del sito e il traffico effettuato su di esso.
Link a privacy policy: https://support.google.com/analytics/answer/6004245;
Link pagina di descrizione cookie installati: https://developers.google.com/analytics/devguides/collection/analyticsjs/cookie-usage;
Link a pagina di download allo strumento che permette la disabilitazione della installazione di tali cookie: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.
•www.youtube.com: utilizza cookie tecnici, e anche di profilazione.
Link a privacy policy: http://www.google.com/policies/technologies/cookies/;
Link pagina di descrizione cookie installati: https://developers.google.com/analytics/devguides/collection/analyticsjs/cookie-usage.
www.addthis.com: utilizza cookie tecnici (al fine di consentire la condivisione di contenuti sui social network), e anche di profilazione.
•Link a privacy policy: http://www.addthis.com/privacy
Link a modulo di consenso (opzione “opt-out”): http://addthis.com/privacy/opt-out
•Facebook utilizza cookie tecnici (al fine di consentire la condivisione di contenuti sui social network), e anche di profilazione: https://www.facebook.com/help/cookies
•Pinterest utilizza cookie tecnici (al fine di consentire la condivisione di contenuti sui social network), e anche di profilazione: https://about.pinterest.com/it/privacy-policy
•Twitter https://support.twitter.com/articles/20170519-uso-dei-cookie-e-di-altre-tecnologie-simili-da-parte-di-twitter

3. Modifica delle impostazioni del browser
È inoltre possibile disabilitare la ricezione dei cookie mediante le impostazioni disponibili presso il browser utilizzato dall’utente. Nella maggior parte dei browser, le impostazioni possono essere modificato secondo il procedimento seguente:
•selezionare la voce “Opzioni” o “Preferenze” nel menu “Strumenti” o “Visualizza” o “Modifica”;
•selezionare la voce “Privacy” o “Protezione” o “Download files” e scegliere le impostazioni preferite.

Qui di seguito vengono riportati i link diretti alla schermata di impostazione cookie, disponibili sui principali browser:

 

Internet Explorer - Google Chrome - Mozilla firefox - Apple Safari

Clicca qui per disabilitare i cookie di Google Analytics