John Cage (1912-1992)

johncageJohn Cage nasce a Los Angeles il 5 settembre del 1912 da una famiglia molto religiosa, che ha poco a che vedere con la musica. Abortite molto presto le aspirazioni a diventare ministro di culto, scrittore e architetto, il giovane Cage si avvicina alla musica nel suo primo viaggio in Europa. È a quel periodo che risalgono le sue prime composizioni, ben presto dimenticate.
Tornato in America nel 1931, appena diciannovenne, comincia a dedicarsi seriamente agli studi musicali. Prende lezioni di composizione da Richard Buhling, Henry Cowell e Adolph Weiss, quindi convince Arnold Schönberg a impartirgli lezioni gratuite.
Dal 1936 al 1960 insegna alla Cornish School di Seattle, al Mills College di Oakland, al Chicago Institute of Design, al Black Mountain College, alla New School for Social Research di New York e in altre scuole.
Cage elabora un linguaggio intimo e rivoluzionario, partendo dalla dissacrazione totale delle regole musicali classiche e tradizionali. Inventore geniale, più che compositore (come lo definiva Schoenberg), intuisce le potenzialità timbriche del “pianoforte preparato”, componendo per questo antico e rinnovato strumento la serie di Sonate e Interludi: una sorta di provocazione in puro stile dadaista nei riguardi dell’inviolabilità degli strumenti “classici”, in cui il pianoforte, strumento romantico per eccellenza, viene “violentato” con oggetti di uso quotidiano.
Cage supera la costruzione musicale basata sulla struttura armonica in favore di una struttura ritmica, intesa semplicemente come successione di durate, che potevano ospitare qualsiasi suono, convenzionalmente musicale e non, incluso il silenzio, concetto che poi mette in pratica nel celebre brano pianistico 4’33” del 1952.
La sua ricerca è diretta al raggiungimento di tecniche sonore originali sviluppate dall’attenzione per l'aspetto percussivo della musica. Questa ricerca di nuove sonorità si concretizza bene in lavori quali Imaginary landscape e First construction (in metal) del 1939, in cui ogni regola tecnica viene superata per lasciare spazio ad un'espressione che trasforma ogni suono casuale in musica e dove la forma e l'interpretazione vengono lasciate alla libertà dell'interprete, tanto che in molte opere Cage si limita solamente a prescrivere all'esecutore diversi comportamenti legati a stati d'animo, senza preoccupazioni per i risultati sonori.
I suoi concerti in Europa nel 1954, '57 e '58 suscitano l'interesse delle avanguardie musicali, che vedono in Cage una presenza inquietante e una fonte di ispirazione, di stimoli e riflessione.
Per il suo universo sonoro Cage trae spunto anche dalla filosofia Zen, da lui praticata, che gli permette di raggiungere quei livelli di concentrazione dove la meditazione risulta libera da costrizioni, come la sua musica.
Il balletto diventa linfa vitale per la sua musica, grazie al lungo e fruttuoso sodalizio con il coreografo Merce Cunningham; si fa pioniere degli Happenings, forme di teatro estemporaneo che trasformavano completamente il rapporto tra spettatore e pubblico. Le idee messe in gioco sono inesauribili, come numerose sono le sue performance, definite in quegli anni “scandalose”.
I concetti di casualità e di silenzio, dai quali la musica di Cage non potrà più prescindere a partire dagli anni ’50, rappresentano i cardini della sua filosofia, non solo musicale.
Le tecniche casuali di composizione ed esecuzione lo avevano sempre attratto, ma sono l’approccio alle filosofie orientali e la lettura dell’I-Ching (il libro cinese dei cambiamenti) ad offrirgli il migliore armamentario tecnico e intellettuale per “organizzare” il caso. In Music of Changes per pianoforte, Imaginary Landscape No. 4 per 12 radio o nel Concerto For Piano And Orchestra, Cage utilizza l’I-Ching per determinare quali note suonare e la loro durata, secondo un sistema di combinazioni numeriche.
Cage va oltre la musica, e la considera parte della natura. Dire che la musica è natura e non sua imitazione umana, priva l’artista di quel potere di controllare, organizzare la natura, diretta espressione della volontà di volerla dominare. Seppellito (o stravolto in maniera irrimediabile) il concetto di arte, non ha più ragione di esistere la figura del genio romantico; l’artista ritorna uomo e ricomincia ad ascoltare la natura invece di volerla a tutti i costi dominare.
La sua mente onnivora lo porta ad affermare: tutte le persone che ho incontrato mi hanno influenzato, tutti ciò che è accaduto e che ancora accade mi influenza. Forse per tale atteggiamento verso il mondo Cage e il suo modo di concepire la musica hanno scardinato e aperto le menti di compositori di varie tendenze e ne hanno fatto un musicista perennemente nostro contemporaneo.

 Sito web

Brani eseguiti al Festival Milano Musica

34' 46.776'' (18 ottobre 2007)
4 (28 settembre 1992)
L’orecchio e l’occhio: storia di una relazione creativa (18 ottobre 2007)
Concerto for Prepared Piano and Chamber Orchestra (28 settembre 2007)
Dream (14 ottobre 2007)
Fontana Mix (18 ottobre 2007)
Freeman Etudes, I-XVI (08 ottobre 2007)
Freeman Etudes, XVII-XXXII (08 ottobre 2007)
Imaginary Landscape n° 3 (13 novembre 2005)
Music for Marcel Duchamp (14 ottobre 2007)
Music of Changes III (22 ottobre 2007)
Quartetto in quattro parti (06 ottobre 2007)
Ryoanji (14 ottobre 2007)
Seven (01 ottobre 2007)
Solo for voice 15 (29 ottobre 2007)
Solo for Voice 27 (29 ottobre 2007)
Solo for voice 41 (29 ottobre 2007)
Solo for voice 90 (29 ottobre 2007)
Sonatas and Interludes (15 settembre 1992)
Sonates and Interludes (21 ottobre 2007)
The Seasons (04 novembre 2007)
The Wonderful Widow of Eighteen Springs (29 ottobre 2007)
Third Construction (13 novembre 2005)
Third Construction (28 ottobre 2007)
Nocturne (02 novembre 2013)
Seven (16 ottobre 2013)
Sonatas and Interludes (19 novembre 2013)

Questo sito fa uso dei Cookies per il funzionamento della piattaforma e per le statistiche.

Continuando a navigare, accetti il loro utilizzo. Per saperne di più

Accetto

Informativa estesa sui Cookies

 

1. Che cosa sono i cookies
I cookies sono piccoli file di testo che vengono trasmessi dai siti web ai dispositivi degli utenti che li visitano, e che vengono ritrasmessi agli stessi siti web in occasione di visite successive. Possono avere caratteristiche diverse ed essere utilizzati per diverse finalità, sia dal titolare del sito web visitato, sia da terze parti. All’interno del presente documento, vengono messe a disposizione dell’utente informazioni sui cookie utilizzati da questo sito, e le indicazioni su come gestire le preferenze di navigazione riguardo ad essi.

2.Cookies utilizzati da questo sito
Questo sito utilizza cookie (tecnici, di navigazione, analitici e di terze parti). Il titolare del sito è Milano Musica - Associazione per la musica contemporanea, con sede in Milano, piazza Luigi di Savoia 24, 20124, P. IVA 10676240152. L’utilizzo di cookie da parte del titolare del sito si inquadra nell’ambito della Informativa al trattamento di dati personali resa ai sensi dell’art. 13, D. Lgs. 196/03.

2.1.Cookie che non richiedono il consenso dell’utente
I cookie tecnici non richiedono la prestazione di consenso da parte dell’utente, perciò vengono installati automaticamente in seguito all’accesso al sito.
•Cookie di statistica utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni in forma aggregata: Viene utilizzato un cookie statistico di prima parte per finalità di indagine statistica sul sito (ad esempio per conteggiare le visite fatte sul sito dal browser dell’utente, o per sapere se l’utente visita il sito per la prima volta o se si tratta di un visitatore di ritorno). Ha una validità di 10 anni.

2.2.Cookie per i quali è richiesto il consenso dell’utente
I cookie diversi da quelli sopra indicati vengono installati o attivati solo a seguito del consenso espresso dell’utente la prima volta che visita il sito. Il consenso può essere espresso in modo generale, selezionando le opzioni di prestazione del consenso contenute all’interno della Informativa Breve sui cookie (o anche proseguendo la navigazione sul sito), oppure può essere negato o fornito in modo selettivo, secondo le indicazioni di seguito riportate.

Cookie gestiti da terze parti
Qui di seguito sono riportati i siti web di terze parti che installano cookie sul dispositivo dell’utente durante la navigazione sul presente sito, unitamente ai link a informative privacy e moduli di consenso per ognuno. La chiusura della presente pagina web non comporta il diniego del consenso.
•Le informazioni relative ai visitatori del sito possono essere utilizzati da terze parti, incluso Google, per mostrare pubblicità del Teatro alla Scala su altri siti. Il Google Tag manager è utilizzato secondo i termini di utilizzo di Google (https://www.google.com/intl/en/policies/terms/), la Google Privacy Policy (https://www.google.com/intl/en/policies/privacy/) e la Google Tag Manager Use Policy (https://www.google.com/analytics/tag-manager/use-policy/). Puoi richiedere la disattivazione dell’utilizzo dei cookies da parte di Google visitando la pagina Google's Ads Settings.
•www.google.it/intl/it/analytics: utilizza cookie analytics al fine di valutare la performance del sito e il traffico effettuato su di esso.
Link a privacy policy: https://support.google.com/analytics/answer/6004245;
Link pagina di descrizione cookie installati: https://developers.google.com/analytics/devguides/collection/analyticsjs/cookie-usage;
Link a pagina di download allo strumento che permette la disabilitazione della installazione di tali cookie: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.
•www.youtube.com: utilizza cookie tecnici, e anche di profilazione.
Link a privacy policy: http://www.google.com/policies/technologies/cookies/;
Link pagina di descrizione cookie installati: https://developers.google.com/analytics/devguides/collection/analyticsjs/cookie-usage.
www.addthis.com: utilizza cookie tecnici (al fine di consentire la condivisione di contenuti sui social network), e anche di profilazione.
•Link a privacy policy: http://www.addthis.com/privacy
Link a modulo di consenso (opzione “opt-out”): http://addthis.com/privacy/opt-out
•Facebook utilizza cookie tecnici (al fine di consentire la condivisione di contenuti sui social network), e anche di profilazione: https://www.facebook.com/help/cookies
•Pinterest utilizza cookie tecnici (al fine di consentire la condivisione di contenuti sui social network), e anche di profilazione: https://about.pinterest.com/it/privacy-policy
•Twitter https://support.twitter.com/articles/20170519-uso-dei-cookie-e-di-altre-tecnologie-simili-da-parte-di-twitter

3. Modifica delle impostazioni del browser
È inoltre possibile disabilitare la ricezione dei cookie mediante le impostazioni disponibili presso il browser utilizzato dall’utente. Nella maggior parte dei browser, le impostazioni possono essere modificato secondo il procedimento seguente:
•selezionare la voce “Opzioni” o “Preferenze” nel menu “Strumenti” o “Visualizza” o “Modifica”;
•selezionare la voce “Privacy” o “Protezione” o “Download files” e scegliere le impostazioni preferite.

Qui di seguito vengono riportati i link diretti alla schermata di impostazione cookie, disponibili sui principali browser:

 

Internet Explorer - Google Chrome - Mozilla firefox - Apple Safari

Clicca qui per disabilitare i cookie di Google Analytics